Art. 1) Denominazione

E’ costituita l’associazione denominata “Alta Formazione in Psicosintesi”, indicata anche con l’acronimo “AFP”.
L’Associazione, che si ispira ai principi ed ai metodi della Psicosintesi di Roberto Assagioli, è apolitica, laica ed è costituita per il perseguimento di finalità, culturali, civiche, solidaristiche e di utilità sociale mediante lo svolgimento di attività di interesse generale, quali la formazione, la ricerca, lo studio di particolari materie attinenti l’oggetto sociale e non ha alcun fine di lucro.

Art. 2) Sede dell’associazione

L’associazione ha sede in Firenze, Via San Domenico n.c. 14.

Art. 3) Scopi ed obiettivi dell’associazione

L’Associazione persegue i seguenti scopi ed obiettivi di interesse generale:

  • promuovere i principi della Psicosintesi;
  • studio e applicazione dei principi della Psicosintesi nell’ambito delle attività di promozione del benessere personale e collettivo (compresi mediazione, counselling, formazione all’inclusone scolastica e sociale, coaching e altre similari), con esclusione di tutte le pratiche e le attività di pertinenza specifica delle professioni sanitarie;
  • studio di materie attinenti le relazioni d’aiuto e formazione negli ambiti applicativi della Psicosintesi quali: educativo, sociale, assistenziale, interpersonale, aziendale;
  • favorire il dialogo e la collaborazione tra gli associati e le altre realtà territoriali che operano nel settore della promozione del benessere e delle relazioni d’aiuto.

Art. 4) Attività dell’Associazione

Per il raggiungimento dello scopo associativo, la “AFP” potrà compiere qualsiasi operazione od attività, comprese, in via esemplificativa e non tassativa, quelle di:

  • gestire scuole ed agenzie formative (anche riconosciute da enti pubblici) ed organizzare corsi formativi e seminari di Psicosintesi e di altre discipline in linea con i suoi principi;
  • pubblicare o far pubblicare libri, riviste, pubblicazioni periodiche a stampa e/o per via telematica, curandone la diffusione e divulgazione;
  • organizzare convegni ed eventi;
  • svolgere qualsiasi attività, anche di carattere economico, necessaria e/o utile per il raggiungimento degli scopi associativi, direttamente e/o promuovendo la costituzione di persone giuridiche e/o enti, da essa partecipati e/o controllati, per lo svolgimento di una o più di tali attività.

Art. 5) Associati

Possono diventare associati della “AFP” coloro che sono interessati alla Psicosintesi e che ne condividano i principi ed i metodi e che comunque intendono impegnarsi nell’approfondimento dello studio della Psicosintesi e mettere a disposizione degli altri i risultati delle loro ricerche.

Chiunque, persona fisica o giuridica, ovvero ente pubblico o privato, può divenire associato, purché maggiorenne, se persona fisica.

L’adesione all’Associazione è a tempo indeterminato e non può essere disposta per un periodo temporaneo, fermo restando in ogni caso il diritto di recesso.

Art. 5.1) Categorie di associati

Gli associati della AFP si dividono in:

  1. a) Associati Fondatori;
  2. b) Associati Ordinari;

Sono associati Fondatori tutti coloro che hanno preso parte all’atto costitutivo della AFP .

Sono associati Ordinari tutti coloro che siano stati ammessi all’Associazione e che siano in regola con il pagamento delle quote sociali.

Potranno essere esclusi dal pagamento della quota sociale coloro che siano stati associati per particolari meriti, previa valutazione positiva e approvazione del Consiglio Direttivo.

Art. 5.2) Ammissione degli Associati

Coloro che intendono divenire Associati devono presentare una domanda di adesione in cui dichiarino di accettare gli scopi dell’Associazione. Sulla domanda di adesione decide insindacabilmente il Consiglio Direttivo.

Art. 5.3) Perdita della qualità di Associato

La qualità di Associato si perde per:

  • dimissioni, che debbono essere presentate in forma scritta al Consiglio Direttivo e che avranno effetto con lo scadere dell’anno in corso purché effettuate almeno un mese prima di tale scadenza;
  • decesso;
  • esclusione, deliberata dal Consiglio Direttivo e comunicata mediante lettera raccomandata all’interessato, nei confronti degli Associati che abbiano agito in contrasto con il presente statuto o per qualsiasi altro grave motivo ritenuto tale dal Consiglio Direttivo, tra cui il mancato pagamento della quota associativa o, su proposta della Commissione Disciplinare, qualora si siano comportati in modo pregiudizievole per l’associazione e/o contrario al suo Codice Etico e Deontologico, contenuto nel Regolamento Generale. Il Regolamento determina altresì le cause particolari di esclusione e riammissione per gli associati.

Art. 5.4) Diritti ed Obblighi degli Associati

Tutti gli associati hanno diritto di partecipare alla vita associativa e d’intervenire con diritto di parola e voto a tutte le assemblee ordinarie e straordinarie.

Tutti gli Associati hanno l’obbligo di rispettare le disposizioni del presente Statuto e del Regolamento Generale ed in particolare di versare la quota associativa dell’anno in corso nei termini e nell’ammontare determinato di anno in anno dall’Assemblea dell’Associazione su proposta del Consiglio Direttivo.

Tutti gli Associati hanno pari diritti e pari obblighi nei confronti dell’Associazione e degli altri Associati, fatte salve le prerogative dei Soci Fondatori riguardanti l’elezione di un membro della Commissione Disciplinare e i